Prima visita e percorso del paziente

PRIMA VISITA
Oggi la bocca non deve essere più considerata in modo isolato ma facente parte di un sistema in cui sono presenti complesse interazioni e che si chiama “corpo umano”.

Una prima visita accurata rappresenta il punto di partenza imprescindibile per ottenere una corretta diagnosi ed una relativa terapia che risponda alle esigenze del paziente e soddisfi le sue aspettative estetiche e funzionali. Questo è un momento di fondamentale importanza perché solamente attraverso una visita approfondita è possibile evidenziare eventuali patologie asintomatiche che possono, se non curate tempestivamente, minare la salute del paziente.

Durante la seduta vengono raccolti dati sia anamnestici che clinico-obiettivi e vengono eseguiti i necessari esami diagnostici.
I dati così raccolti sono valutati e utilizzati per formulare una diagnosi ed il relativo piano di cura individuale.
Il piano di trattamento viene poi presentato al Paziente in modo chiaro e comprensibile.





PAURA E DOLORE: SOLO UN VECCHIO RICORDO

Fino a pochi anni fa l’appuntamento con il dentista era vissuto dal paziente come un momento di sofferenza e di disagio.
Ora, grazie all’uso dei moderni anestetici e delle nuove metodiche di lavoro, il dolore è, di fatto, scomparso. In ogni caso la seduta dal dentista è motivo di ansie e di timori.
L’odontoiatra moderno deve avere nel proprio bagaglio culturale nozioni di psicologia per potere mettere a proprio agio il paziente timoroso e poterlo rassicurare. L’utilizzo di apparecchiature per la “sedazione cosciente” aiuta, inoltre, i pazienti ansiosi ed i bambini ad affrontare la seduta più tranquillamente: tale sistema è ottimo per eliminare la paura rendendo allo stesso tempo la seduta rilassante e piacevole.

La tecnica prevede l’uso di una mascherina nasale in lattice morbido attraverso la quale il paziente respira, per tutta la seduta, una miscela di ossigeno e protossido d’azoto; l’effetto rilassante che ne deriva non fa mai perdere coscienza al paziente, il quale mantiene sempre la situazione sotto controllo. Al termine della terapia l’effetto sedativo scompare completamente e del tempo trascorso rimarrà un piacevole ricordo. Non esistono controindicazioni accertate all’uso di questa semplice ma efficace metodica.